Jdi na obsah Jdi na menu

Desiderio di Dio

http://www.ocarm.org/it/sites/default/files/images/longing%20forAvete già un fioretto da realizzare per questo tempo speciale per noi cristiani, in cui siamo chiamati di lasciar agire lo Spirito Santo. Oggi cominciamo la Quaresima in cui siamo chiamati convertire al Vangelo i passi della nostra vita.

Cosa significa questa conversione al Vangelo, ci spiega anche il Libro del profeta Gioèle: “Ritornate a me con tutto il cuore, con digiuni, con pianti e lamenti. Laceratevi il cuore e non le vesti, ritornate al Signore, vostro Dio.”

Non è facile da realizzare questa conversione. Sapete perché? Perché questo è più tosto un santo desiderio di Dio. Dio desidera e ci propone di vivere la conversione, rimanendo: "misericordioso e pietoso, lento all’ira, di grande amore”. Ma noi non siamo sempre d’accordo con Lui. Come rispondiamo a questo desiderio?

 

Joel 2, 12-18: Così dice il Signore: «Ritornate a me con tutto il cuore, con digiuni, con pianti e lamenti. Laceratevi il cuore e non le vesti, ritornate al Signore, vostro Dio, perché egli è misericordioso e pietoso, lento all’ira, di grande amore, pronto a ravvedersi riguardo al male». Chi sa che non cambi e si ravveda e lasci dietro a sé una benedizione? Offerta e libagione per il Signore, vostro Dio. Suonate il corno in Sion, proclamate un solenne digiuno, convocate una riunione sacra. Radunate il popolo, indite un’assemblea solenne, chiamate i vecchi, riunite i fanciulli, i bambini lattanti; esca lo sposo dalla sua camera e la sposa dal suo talamo. Tra il vestibolo e l’altare piangano i sacerdoti, ministri del Signore, e dicano: «Perdona, Signore, al tuo popolo e non esporre la tua eredità al ludibrio e alla derisione delle genti». Perché si dovrebbe dire fra i popoli: «Dov’è il loro Dio?». Il Signore si mostra geloso per la sua terra e si muove a compassione del suo popolo.

 

Komentáře

Přidat komentář

Přehled komentářů

Zatím nebyl vložen žádný komentář